venerdì 9 gennaio 2009

Manifesto dinamo-politico

In questo inizio di nuovo anno, in un'Italia ancora e sempre più incialtronita da legioni di amministratori politici incapaci e corrotti e da masse gelatinose vischiose di proletariato mentale suburbano incarnato come fulgido esempio nel prototipo operaio dell'abitatore delle periferie oscenamente ingrassato da ore passate davanti al televisore e da centinaia di merendine idrogenate, noi lanciamo -oggi- il nostro Manifesto Dinamo-Politico per l'Italia del XXI secolo.

Aboliamo, da domani, il Parlamento della Repubblica, strumento ormai vetusto e corpo putrescente adagiato nel freddo gelido di una tomba monumentale eretta sui fasti antichi di una civiltà non più esistente e frequentato da centinaia di uomini-donne impreparati, ignoranti, operai-contadini analfabetizzati da partiti e movimenti politici guidati da corrotti e aprofittatori;

sostituiamo l'abolito Parlamento della Repubblica con un gruppo di cinque uomini preparatissimi e stranieri, laureatissimi, di famiglia eccellente e che abbiano frequentato le migliori università europee di Berlino, Parigi, Stoccolma, Helsinki: questi cinque uomini dovranno avere un'età compresa fra i 30 e i 45 anni; questi uomini dovranno essere pagati 10 milioni di Euro all'anno a testa;

i cinque uomini dovranno sospendere ogni diritto costituzionale per cinque anni e, attraverso Polizia, Carabinieri ed Esercito, assicurare un perfetto ordine pubblico: chiunque commetta reati o crimini dovrà essere rinchiuso a tempo indeterminato in appositi penitenziari ad altissima sicurezza che verranno all'uopo progettati e costruiti;

i cinque uomini dovranno inoltre occuparsi della gestione corrente degli affari dello Stato e preparare, nei cinque anni del loro mandato, nuove elezioni generali da svolgersi allo scadere del quinto anno: alle elezioni generali potranno presentarsi cinque nuovi partiti politici che dovranno proporre cinquanta candidati ciascuno, per un totale di duecentocinquanta candidati; questi candidati dovranno essere per due terzi stranieri divisi equamente fra americani, europei, cinesi e giapponesi e avere un'età compresa fra i 30 e i 45 anni; il restante terzo, composto di italiani, dovrà essere di uomini-donne con 5 lauree conseguite presso università straniere;

nei cinque anni di mandato i cinque uomini dovranno provvedere a radere al suolo i centri storici delle 20 maggiori città italiane e costruire, al loro posto, nuclei abitativi, lavorativi ed economico-finanziari composti da giganteschi grattacieli di alluminio-vetro di 100 piani ciascuno. Alla plebe suburbana a cui dovrà essere requisita la casa verrà consegnato un appartamento d'acciaio nelle vicinanze delle fabbriche che verranno costruite nelle più lontane periferie.

Allo scadere del quinto anno, una volta indette le elezioni e instaurato il nuovo Parlamento della Repubblica Futurista Pan-Italiana, i cinque uomini si dovranno ritirare a vita privata: a loro memoria verranno eretti monumenti equestri d'alluminio in tutte le piazze di ogni città italiana.

Solo così l'Italia potrà, a pieno diritto, entrare a fare parte delle Nazioni Civili di questo pianeta.

3 commenti:

McSac ha detto...

Follia, puro esercizio stilistico o suggestivo progetto meta politico? Nel blog dell'amico Marinetti è comparso un "manifesto" che inizialmente può apparire una burla ma, in realtà, nasconde una dura critica alla nostra classe politica e, in primis, alla nostra stessa società. Condivido lo sdegno e la voglia di riscatto che emerge, chiaramente, dalle parole di Marinetti. Continuo però a preferire il metodo rappresentativo democratico-liberale che, sia pure tra mille difetti, ci evita il rischio di derive incontrollate. Al sistema teleocratico (finalistico), sia esso di destra, di sinistra o di centro, preferisco quello nomocratico che preserva la pluralità dei fini da raggiungere e, in buona sostanza, la libertà dei cittadini. E poi, se proprio devo essere sincero, caro Marinetti, nonostante tutto continuo ad avere fiducia nelle possibilità di riscatto del nostro mal ridotto Paese. www.ideelibere.it

Marinetti ha detto...

Caro McSac,grazie per avere riportato il mio manifesto sul tuo sito; certo si può essere d'accordo sul fatto che ci sia chi ha ancora fiducia nella possibilità di riscatto di questo Paese ma io quella fiducia non ce l'ho più: ho visto il resto del mondo e quando rientro in Italia mi assale la puzza del marcio e del cialtrone e di un popolo senza un capo né una coda, inselvatichito, ignorante, borioso, violento e litigioso. Ne hai qualche esempio -almeno di litigiosità- sul tuo sito. Io non vedo speranza con questo popolo e con chi governa questo popolo: è gente fatta della stessa misera pasta, in fondo. Ci vuole una rifondazione totale. Delenda Carthago, affinché possa essere ricostruita. Un abbraccio

sani e sponsorizzati ha detto...

Rose a Marinetti e al dinamismo rumoroso, merda agli impolverati risibili corruttissimi passatisti.

Due sole cose mi accigliano.
-Perchè trasferire gli abitanti del centro storicofuturista lontano e nelle vicinanze delle fabbriche.
-come si ottengono 5 lauree a 30 anni.

mi prometto di tornare a leggerti.